American Recipes, Ricette salate
comments 2

Corn Dog, il Guster piemontese parla americano

Ecco come nasce la mia idea di Corn Dog.

C’è un luogo nell’astigiano, a Ferrere d’Asti per la precisione, dove vivono pasciuti maialini felici.

Grufolano liberamente in un ampio recinto e si rotolano con gusto nel fango, riposandosi sotto casette di resina quando vogliono ripararsi dal sole.

Maiali felici producono carni più buone. Semplice.

Collage2

L’Agrisalumeria Luiset, salumeria agricola piemontese a filiera corta, ha invitato foodblogger, giornalisti ed influencers a trascorrere una giornata in visita alla loro sede produttiva di Ferrere.
In questa occasione ci è stato presentato il loro ultimo nato: il Guster, una rivisitazione del classico würstel in chiave più sana e gustosa.
Ho avuto il piacere di assistere a tutta la fase produttiva del Guster e posso confermare che viene preparato solo con ingredienti di ottima qualità: carne selezionata (la coscia del suino, tutta la parte che viene tagliata via per dare la forma ai prosciutti cotti), vino bianco, sale, aromi (erbe provenzali, pepe, cipolla, cannella e noce moscata). A questi ingredienti viene aggiunto del ghiaccio, per evitare che la carne in lavorazione si surriscaldi e si asciughi troppo, poi il composto viene tritato per tre volte attraverso una trafila da 3 millimetri e insaccato in budello naturale di  montone. A questo punto i Guster, ormai formati, vengono fatti cuocere a bassa temperatura e affumicati con fumo liquido (un metodo sano che elimina la parte cancerogena del fumo). Sono quindi pronti per la messa in vendita e il consumo.

Collage1

Naturalmente abbiamo potuto godere della visita dell’intera azienda, per comprendere meglio il processo produttivo di tutti i salumi. Dalla macellazione e i rigorosi controlli veterinari delle carni fino alle celle frigorifere dove i salumi riposano appesi, in attesa di raggiungere un perfetta grado di stagionatura.
Impossibile trasmettervi, purtroppo, il profumo di questi luoghi.

La giornata è poi proseguita con un pranzo delizioso. Siamo stati coccolati con i prodotti Luiset, cucinati e illustrati dallo Chef Bruno Cingolani, abbinati ai vini Pescaja.

Collage3

Prima ancora di assaggiare il Guster, quando la visita all’Agrisalumeria Luiset era ancora solo una nota in agenda, nella mia testolina girava l’idea di provare a cucinarlo a modo mio.
Beh, nella mia mente il termine würstel non è affatto collegato a crauti e crucconerie simili, ma ad un solo street food: il Corn Dog americano. Obviously!

Il Corn Dog non è altro che un würstel infilzato su uno stecco, immerso in una pastella di mais e fritto pochi minuti in olio bollente. Viene servito con senape e maionese da migliaia di camioncini appostati agli angoli delle street americane.
La mia preoccupazione era trovare la giusta ricetta della pastella. Sulla pastella del Corn Dog non si scherza. Deve essere densa abbastanza da creare uno strato spesso un paio di millimetri sul würstel, una volta fritta deve essere croccante fuori e morbidissima dentro, leggermente dolce. Per raggiungere la consistenza ottimale deve riposare in frigorifero una mezzoretta.
Ho provato sia ad infarinare il Guster prima di immergerlo nella pastella, sia a non infarinarlo. Non ho notato differenze. In entrambi i casi la pastella rimane perfettamente attaccata al Guster, a patto di asciugarlo bene con della carta da cucina. Per la cottura vi consiglio un pentolino alto e stretto, tipo bollilatte, per fare in modo di cuocere i Corn Dog immergendoli in verticale.

corn_dog_pastella_mais

La ricetta americana naturalmente prevedere il classici würstel, di suino o volendo di pollo.
Io ho però utilizzato i Guster Luiset, davvero tanto più buoni, ottenendo gustosi Corn Dog, che parlano americano ma con un netto accento piemontese. Neh! corn_dog_wurstel_guster_luiset

Corn Dog
 
Per 8 corn dog
Autore:
Tipo di Ricetta: American Recipes
Cucina: Americana
Ingredienti
Per la pastella
  • 125 g. di farina 00
  • 75 g. di farina di mais fioretto
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo per pizze e torte salate
  • 2 uova
  • 90 ml di latte intero

  • 4 Guster (o würstel grandi)
  • 1 litro di olio di semi di arachide
Procedimento
  1. Preparate la pastella mescolando tutti gli ingredienti: la farina 00 setacciata, la farina di mais, lo zucchero, il sale, il lievito setacciato, le uova e il latte.
  2. Amalgamate fino ad ottenere un composto omogeneo e mettete a riposare in frigorifero per una mezzora.
  3. Quindi mettete a scaldare l'olio in un pentolino alto e stretto, in modo che il corn dog possa essere immerso nell'olio verticalmente.
  4. Tagliate i guster/würstel a metà, asciugateli bene con carta da cucina, infilzateli con uno stecco di legno e immergeteli completamente nella pastella (se dovesse risultate troppo densa aggiungete un po' di latte, ma senza esagerare).
  5. Sgocciolate l'eccesso e tuffate il corn dog nell'olio bollente.
  6. Fate dorare, ci vorranno pochi minuti, e scolate su carta assorbente.
  7. Servite i corn dog caldi con senape e ketchup.

 corn_dog_wurstel_guster_luiset_1

Potrebbe interessarti anche...

Key Lime Pie, ricordi d’estate   Autunno. Tempo di tisane, castagne e zucca. E ricordi. Sì, perchè se al 7 ottobre finalmente mi decido a pubblicare una ricetta estiva come la Ke...
Chocolate Bundt Cake   ...and happy birthday to me... In tutta sincerità, vorrei con forza tornare al mio compleanno di due anni fa. Quando le candeline su quella favolo...
Brownies gluten free alle nocciole Fine anno, è tempo di bilanci. Inevitabile. Ripenso, per associazione di idee, alla festa per i miei 30 anni. Quasi nessuna delle persone che ha fes...

2 Comments

  1. Monique says

    Cara Ljuljù, disconoscevo questa ricetta, anche se mi sembra che mi è apparsa in sogno, forse con una scritta davanti, ma non ne sono certa. Volevo solo dirti brava, brava per la recensione, per la ricetta (per me originalissima) e per la foto così…ehm…pulita:-) Bacini

    • Ljuba says

      Monique, ma sei veggente!!! 🙂
      I tuoi complimenti sono iniezioni di autostima, sappilo.
      Grazie davvero. Per tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *