Dolci, Gluten Free, Torte
comments 10

Fondant au Chocolat

Non è il mio primo fondant, ma di sicuro è il migliore che io abbia mai mangiato.

Un paio di anni fa feci quello ai lamponi di Pierre Hermé, buonissimo, mai pubblicato perchè le foto sono scomparse nel nulla (il fatto che l’hard disk del mio portatile sia deceduto potrebbe essere un indizio).
Ma questo, di Monique Miel & Ricotta, è più buono.
Il Fondant au Chocolat di Monique è più buono di quello di Carlà, di quello di Trish… e pure di quel pivello di Hermé!!!
Anche se non riesco quasi mai a riprodurre una ricetta senza metterci il becco personalizzandola (quasi sempre aggiungendo il cioccolato se non presente, anche sul pollo, ma in questo caso mi era impossibile…) questo delirio dei sensi non l’ho proprio minimamente modificato.
Oh, se questo è il migliore fondant al mondo, posso solo eseguire attentamente e puntigliosamente le istruzioni.

Confermo, una torta semplicemente favolosa, un piacere godurioso e peccaminoso, tanto che è stata “affettuosamente” rinominata (chiudete gli occhi ai bambini!)… TORTA DELL’ORGASMO.

 

Ho detto tutto!
Anzi no.
E’ veloce da preparare, il risultato è degno di essere presentato ai vostri più importanti ospiti ed è pure GLUTEN FREE!
Ah, naturalmente quello di Monique è più buono del mio e del vostro, se lo farete    🙂
Ingredienti (io tortiera da 20 cm):
– 200 g. di cioccolato fondente (io 67%) Gluten Free
– 200 g. di burro
– 150 g. di zucchero
– 4 uova
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro a tocchetti. Quando completamente sciolto togliere dal fuoco, mescolare accertandosi di avere una crema perfettamente liscia e aggiungere lo zucchero. Mescolare ancora e lasciar raffreddare.
Quanto il cioccolato si è raffreddato aggiungere, una alla volta, le uova intere e mescolare bene fino a completo assorbimento prima di aggiungere l’uovo successivo.
Quando tutte e quattro le uova saranno amalgamate aggiungere l’amido di mais, 25 grammi per volta, setacciandolo con attenzione e incorporandolo delicatamente con un cucchiaio di legno o una frusta a mano.
Si deve ottenere un composto liscio, lucido e privo di grumi.
Versare il composto nella tortiera a cerniera rivestita di carta forno o ben imburrata e cuocere a 150°C per 25 minuti.
La superficie del fondant deve essere cotta e croccante mentre il centro deve tremare ancora come un budino.
Sfornare e lasciar raffreddare completamente prima di togliere dalla tortiera.
Io consiglio di non toccarlo almeno per qualche ora, anche se la tentazione è potente, sembra un richiamo delle sirene…
Servire quindi spolverato con cacao amaro Gluten Free e controllare i gemiti…

Potrebbe interessarti anche...

Magic Cake al Cacao Gluten Free  "E' stata tosta questa volta, lo ammetto.  L'idea di un impasto unico che diventa tre cose distinte ma per formare una cosa unica mi ha fatto sval...
Classic Lemon Cheesecake (senza glutine) Eccoci finalmente alla quarta puntata di Re-Cake. Anch'io, sul filo di lana, pubblico la deliziosa cheesecake al limone prevista per il mese di gen...
Torta panna e cacao con noci pecan Ho ricominciato a guardare Buffy. È la terza volta che guardo questa serie e ogni volta mi entusiasmo e apprezzo dettagli nuovi. Ieri sera verso le...

10 Comments

    • Ciao Cristina, ti consiglio assolutamente di provarla, poi vorrai rifarla, rifarla e rifarla, anche a ferragosto con 45 gradi all’ombra 🙂
      Io oltre a sentire profumo di cioccolato, mentre pubblicavo ho avuto un picco di salivazione 🙂

    • Si, ma il lampone ci sta SOLO COME DECORAZIONE! Precisiamolo 🙂 🙂 🙂
      Hermé, ma chi seiiii? 😛

  1. maremma che visione!Avevo puntato già quello di Moniquccia e non appena posso ricominciare a masticare qualcosa che non sia cracker o pane secco la faccio!Eh si perchè alle volte le blogger fanno meglio di tanti pasticceri messi insieme!Ovviamente anche la mia sarà meno buona e bella di quella di Moniquccia!la tua è bellissima checche tu ne voglia dire, e anche le foto (specie quella con i lamponi rovesciati) sono bellissime!

    • Che carina che sei Paola.
      Certo, quelli di Moniqù è inarrivabile, noi possiamo solo vagamente avvicinarci, ma si gode lo stesso 🙂 🙂 🙂

      Ti ringrazio tanto per i complimenti, pensa che a me quella foto coi lamponi rovesciati non mi convince. Mentre la scattavo mi sembrava bella, una volta scaricata sono rimasta delusa… fa piacere ricevere opinioni differenti 🙂
      Grazie.

    • Ciao cara!
      Se hai occasione provala, è strepitosa. Continuo ed essere incredula del fatto che sia così semplice da fare e così buona. E’ ufficialmente la mia torta salva-cene, quando devo fare un dolce ma sono di corsa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *