American Recipes, Dolci, Torte
comments 3

Key Lime Pie, ricordi d’estate

 

Autunno. Tempo di tisane, castagne e zucca.
E ricordi.

Sì, perchè se al 7 ottobre finalmente mi decido a pubblicare una ricetta estiva come la Key Lime Pie, anziché tenerla in serbo per la prossima estate, è solo per aggrapparmi ancora un po’ al ricordo delle meravigliose vacanze di agosto, nonostante ora fuori dalla finestra ci siano grigio e nebbia.

Sono partita per la Florida con una missione ben chiara in mente: fare shopping.
La seconda missione fondamentale, però, era assaggiare, testare, comparare e attentamente valutare il dolce simbolo di questa destinazione, la Key Lime Pie.
E’ stata dura. Un lavoro difficile che però ho portato a termine con impegno e costanza.
Ne ho assaggiate di ottime e di discrete. Fortunatamente nessuna pessima.

L’origine di questo dolce è già scritta nel suo nome.
Le Florida Keys sono una collana di circa 1700 isolette che si srotola a partire da una manciata di km da Miami per arrivare fino a sfiorare il golfo del Messico.
Key West, l’isola in cui ha vissuto a lungo Ernest Hemingway e dove è ancora possibile visitare la sua villa, è l’ultima delle isole abitate ed è anche il punto più a sud di tutta la Florida, appena 90 miglia da Cuba.

key_west_southernmost_point_florida

Oltre Key West c’è solo più la paradisiaca isola di Dry Tortuga, completamente disabitata, raggiungibile solo via mare o con voli riservati. Praticamente una perla di sabbia bianca incastonata nel Golfo del Messico.
Scoperta nel ‘500 da un navigatore spagnolo, nei secoli 17° e 18° l’isola divenne base fissa per i pirati del mar dei Caraibi. Da questa isoletta sferravano infatti attacchi alle navi mercantili che entravano nel golfo.
Verso la metà del 1800 il governo americano decise di costruirvi una fortezza, Fort Jefferson, a protezione delle coste della Florida e dei commerci verso il Mississippi. Il forte, a pianta esagonale, per un certo periodo ospito oltre 1700 persone, tra soldati e civili, ma la sua costruzione non fu mai completata. Il progetto originale prevedeva infatti 4 piani, ma la sua struttura divenne obsoleta prima ancora di essere conclusa. Attualmente il forte conta due piani.
Durante la guerra civile la fortezza fu sfruttata come prigione federale.
Dall’inizio del ‘900 Fort Jefferson è una riserva naturale per uccelli e nel 1992 il presidente Bush lo trasformò in National Park.

Nel corso degli anni il forte si è insabbiato sotto il suo stesso peso ed ora è il luogo ideale per turisti amanti della natura, del mare e delle immersioni. Fare snorkeling lungo le mura del fossato è un imperativo.
Pesci coloratissimi, coralli e tartarughe, acqua tiepida e cristallina e sabbia bianchissima resteranno per sempre nei miei occhi.

dry_tortuga_key_island_florida_sea

Nelle isole Keys crescono speciali lime, dolci e profumati, che non si riescono a trovare- purtroppo – sul mercato italiano. Si possono però degnamente sostituire con i classici lime.
I marinai della florida erano grandi consumatori di lime, frutto utilizzato per combattere la carenza di vitamina C che poteva portare allo scorbuto.
Non stupisce quindi che questo frutto sia l’ingrediente principe del dolce tradizionale delle Florida Keys.
La copertura tradizionalmente può essere di due tipi: meringa o panna montata. Io ho assaggiato entrambe le versioni e ho preferito sicuramente quella con la panna.

Un dolce profumato, che sa di estate e di esotico. Poco autunnale insomma, perfetto per chiudere gli occhi e immaginare ancora sole, sabbia bianca, palme, pesci colorati e magici tramonti.

sunset_tramonto_marathon_key_island_florida

 

Key Lime Pie, ricordi d'estate
 
Per una tortiera da 22cm di diametro
Autore:
Tipo di Ricetta: American Recipes
Cucina: Americana
Ingredienti
Per la base:
  • 160 g. di biscotti digestive
  • 30 g. di zucchero di canna integrale
  • 80 g. di burro
Per il ripieno:
  • 400 g. di latte condensato
  • 4 tuorli di uovo
  • 100 ml di succo di lime
  • la scorza di un lime grattugiata
Per la guarnizione
  • 200 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • scorza di lime grattugiata
Procedimento
  1. Sbriciolate finemente i biscotti, aggiungete lo zucchero, sciogliete il burro nel microonde o su fuoco dolce e uniteli. Mescolate bene e versate il composto nella tortiera imburrata. Pressatelo in modo da livellarlo e dargli un bordo alto un paio di centimetri.
  2. Infornate in forno già caldo a 190°C per 15 minuti.
  3. Sfornate e preparate la farcitura, abbassando la temperatura del forno a 160°C.
  4. Montate bene i tuorli con una frusta fino a renderli soffici, unite poco alla volta il latte condensato e continuare a montare l'impasto.
  5. Unite quindi il succo e la scorza grattugiata del lime, amalgamate bene.
  6. Versate il composto sulla base e infornare a 160°C per circa 20 minuti (io 25).
  7. Sfornare e lasciar raffreddare la torta.
  8. Al momento di servirla, montate la panna ben ferma, con un cucchiaio di zucchero a velo, e guarnite la superficie del dolce, spolverate di scorza grattugiata di lime e, volendo, decorate con fettine di lime.

Ho letto tantissime ricette on line prima di scegliere quale realizzare.
Mi sono fatta ispirare quasi totalmente da quella di Laurel, Un’Americana in Cucina, anche se con alcuni aggiustamenti nelle dosi.

3 Comments

  1. Ljuba, continuo strenuamente a immaginarti a Tortuga vestita da piratessa, col veliero, la ciurma e tutto il resto. E non rovinare tutto questo volo pindarico con la storia del pareo e delle ciabattine, please!
    Per la KeyLime Pie, ti dirò, tutto quel latte condensato un po’ mi spaventa, mi sembra più dolce che se ci fosse lo zucchero, ma forse è solo una convinzione mia…e poi a me il lime piace tantissimo!

    • Ljuba says

      Ahahah, ok ok, non dirò nulla. Non parlerò dell’aria condizionata sul catamarano e nemmeno del club sandwitch.
      Sai che in realtà la Key Lime Pie non è affatto stucchevole? Il succo di lime compensa perfettamente il latte condensato e il risultato è una soffice crema piacevolmente acidula.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *