Pubblicato il: 10 giugno 2015 alle 12:38 pm

No Bake Oreo Tarte

 

È iniziato il tormentone, puntuale come le vesciche coi sandali: fa caldo!
È giugno e… FA CALDO!!!
Ne parlano i tiggì, ne parlano in coda alla cassa del supermercato. Gli unici che non ne parlano sono i minimici. Loro si limitano a crollare a quattro di bastoni sulla piastrella più fresca di tutta la casa. C’è sempre una piastrella più fresca, e loro lo sanno.
I Social per fortuna ci tengono aggiornati. Metti che l’ipotalamo sia in sciopero, ci pensano gli status dei nostri contatti Facebook ad informarci con una precisione davanti a cui anche il Centro Epson Meteo si inchina.

“Fa caldo, quando arriva settembre?”. (Fra circa 3 mesi se tutto procede secondo i calcoli…).
“6 giugno. 34 gradi”. (Foto del termometro dell’auto, è d’obbligo).
“La ricetta perfetta per questo gran caldo”. (Foto di un piatto di carbonara…).
“Caldo, io non ti temo!”. (Sequenza di fotografie agli alluci con spiaggia e mare sullo sfondo. L’importanza della pedicure nell’era dei Social).
“Inizia a fare davvero caldo…”. (Ma dai? Te ne sei accorto pure tu?).

Quindi, visto che FA CALDO, ho preparato un dolce che non richiede nemmeno di accendere il forno. Sembra una crostata. Forse lo è. Ma è una No Bake Oreo Tarte. Tutto detto. La base è fatta con peccaminosi Oreo sbriciolati. Compresa la goduriosa crema all’interno. Lo sottolineo per chi come me si fosse posto il dubbio se la crema andasse tritata con tutti i biscotti o se prima di fare il dolce fosse necessario separare gli Oreo e leccarli uno ad uno… grazie Sonia per il chiarimento. E’ importante avere dei punti di riferimento. Insomma, base di una cheesecake, ganache al cioccolato come ripieno, Oreo e lamponi per decorare. Qualche ora di frigorifero e godrete senza sensi di colpa (astenersi maniaci della prova costume).

 

oreo tarte solo un velo di farina Ljuba Daviè

La ricetta è di Sandra di La Receta de la Felicidad

No Bake Oreo Tarte
 
Per uno stampo da crostata rettangolare, meglio se con fondo rimovibile, da 26x18cm circa
Autore:
Tipo di Ricetta: American Recipes
Cucina: Americana
Ingredienti
Per la base della torta:
  • 300 g. di biscotti Oreo
  • 110 g. di burro
Per la ganache:
  • 200 g. di panna
  • 200 g. di cioccolata fondente (io 52%)
  • 55 g. di burro
Per decorare:
  • qualche biscotto Oreo
  • Lamponi
Procedimento
  1. Mettete i biscotti Oreo nel tritatutto e riduceteli in piccole briciole.
  2. Fate sgliogliere il burro, unitelo ai biscotti sbriciolati e mescolate bene per incorporare.
  3. Versate il composto in uno stampo da crostata (meglio se con fondo removibile, altrimenti rivestitelo di carta da forno) e compattatelo bene, per ottenere uno spessore uniforme ed un bordo regolare.
  4. Mettete lo stampo in freezer il tempo di preparare la ganache.
  5. Portate a bollore la panna. Spegnete il gas e versatevi dentro il cioccolato a pezzettini e il burro. Non toccate nulla per 5 minuti.
  6. Dopo 5 minuti mescolate bene con una spatola o un cucchiaio di legno, fino ad ottenere una crema liscia e lucida.
  7. Riprendere la base della torta, versatevi sopra la ganache, che dovrebbe essere ormai tiepida, livellatela e rimettete in frigorifero per alcune ore o tutta la notte.
  8. Prima di servire decorate a piacere con Oreo spezzati e lamponi.
No Bake Oreo Tarte ultima modifica: 2015-06-10T12:38:22+00:00 da Ljuba

5 thoughts on “No Bake Oreo Tarte”

  1. MoniQù scrive:

    Idea fantastica ma indovina? Non mi piacciono gli Oreo. Ti stravolgo la ricetta quindi…la faro’ con gli speculoos!

    1. Ljuba scrive:

      Ecco…così riuscirai a migliorare una torta già quasi perfetta. Gli speculoos sono divini!
      Che strano non ti piacciano gli Oreo, tu che mangi praticamente tutto… 😉

  2. Sonia scrive:

    Ecco, ora dopo aver visto quanto è bella la tua ed essermi ricordata di quanto sia semplice da fare (alla faccia del caldo, tra l’altro) mi tocca rifarla!!!
    E via che parte la caccia agli Oreo…sarà dura non leccare via tutta la crema prima di frullarli…’na faticaccia 😉
    Bacioni e grazie grazie grazie :*

    1. Ljuba scrive:

      Davvero, una faticaccia!!! Ahaha, grazie a te per avermi tolto quel terribile tarlo 🙂

  3. Natalia scrive:

    Ricetta da urlo. Subito copiata.
    Si, fa caldo…. e io inizio a lamentarmi da questo periodo. Amo il freddo, di quello non mi lamento mai!
    Ma cerco di vedere anche il bello delle giornate torride: i giorni al mare, le serate all’aperto con gli amici, le passeggiate del mattino presto, i ritmi più calmi con la chiusura delle scuole. Per ogni cosa c’è il bello e il brutto.
    Baci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *