Colazione, Dolci, Torte
comments 6

Plumcake ai Ramasin

I ramasin sono delle piccole susine tipiche dei territori piemontesi. Maturano da luglio fino a fine agosto.

E’ quindi evidente che con questa ricetta sono di nuovo arrivata lunga, come al mio solito.
Ma non mi andava di tenerla, come molte altre, in archivio fino al prossimo anno, quindi la pubblico comunque.
Se non trovate più i ramasin provate a farla con altri tipi di susine o prugne, sarà comunque deliziosa.

I miei ricordi, se penso ai ramasin, sono tutti legati ad una piccola,esile e contorta pianta che cresceva nel giardino della casa in cui sono nata. Nel paesello ai piedi delle montagne di cui vi parlai qui.
Nei mesi estivi uno dei miei passatempi, da bambina, era scendere in giardino con un sacchetto, scuotere leggermente la piantina di ramasin e aspettare che la grandinata di frutti terminasse.
A quel punto uno per uno li raccoglievo in mezzo all’erba, scostandola con le manine, per non perderne nessuno.

 

Plumcake ai Ramasin
 
Per uno stampo da 30 cm
Autore:
Tipo di Ricetta: Torte
Cucina: Italiana
Ingredienti
  • 170 g. di farina 00
  • 2 uova
  • 80 g. di zucchero di canna integrale
  • 125 g.di yogurt bianco greco
  • 40 g. di olio extravergine di oliva
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • semi di una bacca di vaniglia
  • circa 15 ramasin
Procedimento
  1. Montate le uova con lo zucchero di canna fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
  2. Aggiungete l'olio a filo, fatelo assorbire e quindi unite anche lo yogurt greco e i semi di una bacca di vaniglia.
  3. Stacciate la farina e il lievito e amalgamatela al composto delicatamente, senza smontarlo.
  4. Lavate, asciugate e snocciolate i ramasin. Tagliate a pezzettini una decina di loro, infarinateli leggermente e incorporateli all'impasto.
  5. Versate l'impasto nello stampo imburrato e infarinato e disponete sulla superficie i restanti frutti.
  6. Cuocete a 180°C in forno preriscaldato per circa 40 minuti (fate la prova stecchino).
  7. Lasciate intiepidire prima di tagliare.
Note
Naturalmente si possono sostituire i ramasin con altri tipi di susine, prugne o altra frutta di stagione: uva o pesche, per esempio.

6 Comments

    • Ljuba says

      Grazie Velia
      Purtroppo forse non è più semplicissimo trovarli, ma se ci riesci allora non perdere l’occasione di provare questo semplice dolce 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *