Primi piatti, Ricette salate
comments 2

Risotto di Luvertin (Luppolo Selvatico)

E’ passato più di un anno da quando ho postato due ricette a base di luvertin: il tortino integrale e le frittelle con il seirass.
Sebbene al limite della stagione, anche quest’anno, grazie a mio padre e mio fratello, sono riuscita a portarmi a casa un bel mazzetto di luvertin.
Per chi non li conoscesse, si tratta dei prelibati germogli del luppolo, che spesso vengono erroneamente confusi con gli asparagi selvatici.
Una pianta erbacea perenne che può liberamente venire raccolta, a patto di riconoscerla, e che arricchisce da sempre soprattutto frittate e risotti.

Un sapore antico che riporta alla mente i piatti delle nonne, quando la raccolta delle erbe selvatiche nei prati era di uso comune nella cucina tradizionale.


Ingredienti per 2 persone:
– 1 litro di acqua
– 1 carota
– 1 cipolla
– 1 gambo di sedano
– sale
– 160 g. di riso (io Baldo Bio)
– 25 g. di burro
– mezza cipolla piccola
– 40 g. circa di luvertin
– parmigiano reggiano (o stagionatura 30 mesi) q.b.
Preparare il brodo vegetale. Pelare e lavare le verdure e metterle a bollire in un litro circa di acqua salata per almeno mezz’ora.
Pulire i luvertin eliminando l’estremità inferiore del germoglio, dove è stato tagliato, e lavandoli bene sotto l’acqua corrente. Tagliarli in pezzettini minuti.
In un tegame far appassire la cipolla nel burro, a fuoco vivace. Aggiungere quindi i luvertin sminuzzati e far saltare qualche minuto.
Unire il riso, tostarlo per bene mescolando con un cucchiaio di legno. Quando il riso sarà tostato aggiungere poco alla volta il brodo vegetale bollente, portandolo a cottura (ci vorranno circa 10-12 minuti) senza farlo mai asciugare troppo.
Quando il risotto avrà raggiunto il desiderato punto di cottura spegnere il fuoco e mantecarlo con una generosa spolverata di parmigiano grattuggiato.

Mescolare bene e servire caldo.

 

Ti potrebbero interessare anche...

2 Comments

  1. Ma sai che non so proprio che sapore abbia? Devo rimediare!! a patto di farmi insegnare che faccia abbia questo luvertin, per poterlo riconoscere!! 😀

    • Ciao Ale.
      Prometto che la prossima stagione procurerò una fornitura di luvertin di montagna a te e a Vale così ci togliamo tutte la voglia di cucinarli 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *