Colazione, Dolci
comments 3

Tortini alle fragole, piccole semplicità

Le fragole sono dei meravigliosi, rossissimi, golosi… falsi frutti!
Perbacco. Si, sono falsi frutti.
I frutti veri, infatti, sono solo i semini gialli in superficie. Il resto, la polpa rossa e dolce, è una infiorescenza.
Ma il fascino delle fragole è tale che riesce facilmente ad “ingannarci” e tra aprile e giugno ci stregano con il loro colore rubino e il sapore zuccherino.

Sarà solo un caso che la Natura abbia donato a queste rosse bacche, ingannevoli quanto attraenti,  la forma di un cuore?

Grazie al loro bel faccino, le fragole hanno sempre suscitato interesse e fatto nascere numerose leggende circa la loro origine.

Secondo una leggenda Cherokee le fragole furono create e messe sulla terra nel tentativo di convincere la prima donna a tornare dal primo uomo dopo un brutto litigio. La prima donna, allontanandosi nel bosco, si trovò a un tratto circondata da queste piante con i loro fiori delicati e i frutti rossi, dolci e 
a forma di cuore. Mangiandoli si dimenticò della sua rabbia e desiderò tornare dal suo amato e condividere con lui un cestino di fragole.

Ma anche gli Antichi Romani avevano le loro teorie… e casualmente l’amore ne era protagonista.
Le fragole avrebbero avuto origine dalle lacrime piante da Venere alla morte del suo amato Adone, che avrebbero assunto forma di cuore al contatto col terreno.

E un poeta come William Shakespeare poteva non restare ammaliato dalle fragole?
“La fragola, che cresce sotto l´ortica, rappresenta l´eccezione più bella alla regola, poiché innocenza e fragranza sono i suoi nomi. Essa è cibo da fate”.

(informazioni tratte dal sito Benessere a Colori)


Insomma, le fragole con la loro magia possono rendere perfetto qualunque piatto.
Non è necessario arrovellarsi con complesse preparazioni, sono deliziose al naturale o spose di pochi semplici ingredienti.

Ingredienti:

– 300 g di farina 0
– 200 g di fragole (io bio, dell’orto di papà!)
– 200 g di latte intero
– 50 g di burro (io bio)
– 220 g di zucchero
– 2 uova (io bio)
– 1 bustina di lievito per dolci
 
In una ciotola setacciate la farina con il lievito e unire lo zucchero. 
In un’altra ciotola amalgamare le uova con il latte e il burro fuso a temperatura ambiente.
Mescolare quindi bene gli ingredienti secchi con quelli umidi, aiutandosi con una frusta a mano.
 
Tagliare le fragole, lavate e asciugate, a tocchetti e unirle al composto, amalgamando delicatamente.
Versare circa due cucchiai abbondanti di composto in ciascun pirottino collocato dentro una teglia da muffin (io ho usato lo stampo per 12 muffin della linea Keramia di Guardini).
Cuocere in forno preriscaldato a 180° C per circa 30 minuti, vale la prova stecchino.
Lasciar raffreddare su una gratella. Volendo, cospargere di zucchero a velo.

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *